COMUNITÀ DEL PARCO

La Comunità del Parco è costituita dai Sindaci dei Comuni del Parco, dai Presidenti delle Province e delle Comunità Montane interessate, dal presidente della Giunta Regionale:

Il Presidente del Parco

Arch. Giuseppe Zampino

Staff dell’Ente Parco:

Dott. Carmine Montella –Responsabile Amministrativo–

Estensione

14.870,34 ettari, con una popolazione di 104.481 abitanti (dati Istat)

 

PROVINCE – COMUNITÀ MONTANE – COMUNI

Provincia di Avellino

Comunità Montana zona del Partenio:
Cervinara, Mercogliano, Ospedaletto d’ Alpinolo, Pannarano, Pietrastornina, Rotondi, S. Martino Valle Caudina, S. Angelo a Scala, Summonte.
Comunità Montana zona Serinese-Solofrana:
Monteforte Irpino
Comunità Montana zona di Vallo di Lauro e Baianese:
Avella, Baiano, Mugnano del Cardinale, Quadrelle, Sirignano, Sperone.

Provincia di Benevento

Comunità Montana zona del Taburno:
Arpaia, Forchia, Pannarano, Paolisi.

Provincia di Napoli

Comunità Montana zona di Montedonico-Tribucco:
Roccarainola.

Provincia di Caserta

Non compresi in Comunità Montane:
Arienzo, S. Felice a Cancello.

Il Marchio Qualita del Partenio

Tra gli obiettivi del Parco Regionale del Partenio, c’è quello fondamentale di creare condizioni di sviluppo e la salvaguardia del territorio attraverso la conservazione, la valorizzazione la promozione e la fruizione delle risorse naturalistiche, ambientale, storico-religiose e culturali dell’area protetta. A tale scopo è stato apportato un marchio collettivo geografico “Qualità Partenio” che può essere utilizzato dalle aziende presenti sul territorio del Parco, per caratterizzare i propri i proprio prodotti attraverso un’immagine unitaria e un’unica identità.

 

Il P.I.T

Il Progetto Integrato Territoriale, strumento fondamentale del Parco Regionale del Partenio, ha l’obiettivo di creare condizioni di Sviluppo Sostenibile del territorio, attraverso la conservazione, la valorizzazione, la promozione e la fruizione delle risorse naturalistiche, ambientali, storico-religiose e culturali dell’area protetta.
Infatti la Progettazione Integrata che si basa sul principio della concentrazione delle risorse, in un ambito ben definito, attivabili mediante una serie di azioni, sia materiali che immateriali, concertate e integrate è finalizzata ad assicurare adeguato sviluppo locale in funzione della vocazione territoriale.

L’idea forza:
“Lo sviluppo durevole del Parco Regionale del Partenio: natura, ambiente, storia, cultura e religione tra tradizione ed innovazione”,

posta a fondamento del PI, si articola in una serie di interventi strategici, diretti al conseguimento di specifici obiettivi, che, integrandosi e combinandosi con altri obiettivi, garantisce i presupposti necessari ad attivare un meccanismo virtuoso di sviluppo economico delle Comunità del Parco, in sintonia con i principi di tutela e di conservazione della natura, senza recare pregiudizio alle possibilità delle future generazioni di usufruire parimenti dei valori naturalistico-ambientali dell’area protetta.

Gli interventi specifici sono orientati a conseguire nel tempo lo sviluppo di attività economiche legate alla fruizione turistica, alla valorizzazione dei prodotti tipici e di qualità, alla promozione di manufatti artigianali tradizionali.

Inoltre vengono assicurati interventi per la conservazione del patrimonio naturalistico-ambientale, la promozione dei valori storico-culturali e architettonici e religiosi, la creazione di un sistema integrato di fruizione turistica basato sulla realizzazione di itinerari e sentieri attrezzati e la creazione di un pacchetto integrato formativo e di servizi, che abbia come obiettivo prioritario la creazione di nuove figure professionali che possano trovare adeguate opportunità di inserimento lavorativo.

ISTITUZIONE DEL PARCO


Legge n.394 del 6/12/1991 – Documento PDF

Deliberazione della Giunta Regionale di istituzione del Parco n.1405 del 12/04/2002 – Documento PDF

Legge Regionale n.33 dell 1/09/1993 – Documento .DOC